\ A HISTORY OF TIMEless ELEGANCE. – Cesare Attolini

A HISTORY OF TIMEless ELEGANCE.

«Quando qualcuno mi chiede di mio padre, Vincenzo, lo fa sempre in merito alla sua abilità unica di sarto. È comprensibile, certo, essendo ricordato per aver scritto con la prima, ormai celebre, giacca destrutturata di sempre, un capitolo molto importante della storia della sartoria partenopea e internazionale. Eppure, visto il racconto che proponiamo nelle prossime pagine, mi piace ricordarlo per un altro aspetto: la sua grande passione per l’arte. Soprattutto per la scuola pittorica partenopea dell’Ottocento. Ecco, questa sua sensibilità, questa innata propensione al bello e al fatto a regola d’arte è, al di là dello straordinario patrimonio di insegnamenti tecnici, ciò che maggiormente ha segnato la mia formazione di uomo e di sarto e ciò che ho voluto trasmettere ai miei figli, oggi alla guida di Cesare Attolini».
Cesare Attolini

«L’orizzonte a cui guardiamo, ogni giorno, è quello che definisce i confini dell’eccellenza e del sapere, inteso come cultura del saper fare. È quello che prende forma, attraverso il laborioso lavoro delle mani dei nostri sarti, in capi unici che sono tuttavia tutti accumunati dalla tensione al perfezionismo, ad un’autenticità sartoriale assoluta.

Nostro nonno e nostro padre hanno scritto capitoli importanti della storia della scuola sartoriale partenopea e italiana. Sappiamo, noi rappresentanti della terza generazione di famiglia, di custodire un patrimonio unico di saper fare, un’idea del bello, dell’eleganza che è senza tempo, che sfugge alla dialettica della moda, in cui si riconosce una comunità senza confini composta dagli uomini più raffinati del mondo.

Di uomini che non solo apprezzano l’estetica dei capi che indossano ma anche l’etica del lavoro artigianale, personalizzato, che ne sostanzia il loro valore. Siamo e vorremo essere sempre una roccaforte, un baluardo a difesa dell’autenticità, della lentezza, contro la standardizzazione e la serializzazione. Senza compromessi, senza scorciatoie, animati esclusivamente dall’orgoglio di vedere ogni giorno prender forma nella nostra sartoria a capi che hanno un’anima».
Massimiliano Attolini

«È proprio per questi motivi che rifuggiamo costantemente dall’errore di banalizzare o dall’incorrere in sterili e stereotipati cliché, che abbiamo scelto un linguaggio di comunicazione pregnante, autentico e senza tempo.

Capace di esprimere la nostra esclusività e eccellenza attraverso un approccio narrativo carico si di suggestioni e ispirazioni ma anche di contenuti rilevanti. Da quattro anni, infatti, abbiamo immaginato, in occasione della presentazione di ciascuna delle due collezioni di stile annuali, di ambientarne il racconto fotografico presso gli affascinanti luoghi in cui prendono vita i prodotti di altri protagonisti eccellenti dell’autentico made in Italy di altissima qualità.

E, per il racconto della collezione Primavera-Estate 2019, ci siamo lasciati affascinare da un luogo iconico, celebre per il suo marmo unico al mondo da cui sono nate tra le più celebrate sculture che la storia abbia ricevuto in eredità: Carrara, con le sue cave, con i suoi laboratori artigianali e con le sue botteghe d’arte che si affollano anche nel vicino borgo di Pietrasanta. Un racconto denso di bellezza, naturale, paesaggistica e artistica. Buona lettura».
Giuseppe Attolini

Share this page

Cesare Attolini è, nel mondo, sinonimo di tradizione sartoriale partenopea. Ieri come oggi, dal 1930 lungo tre generazioni, fucina di un’idea di eleganza senza tempo. Artigianalità reale. Espressione, senza compromessi, di qualità assoluta, cultura unica del saper fare, esclusività, personalizzazione.

Questo sito web utilizza la tecnologia dei cookie. Continuando la navigazione su questo sito, si accettano le condizioni di utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni è possibile consultare l’informativa su Cookie e Privacy. Accetta e continua